Elezioni Europee 2024: Come e Per Cosa si Vota

(video a fondo pagina)

elezioni europee

L’8 e 9 Giugno 2024 si terranno le elezioni per il rinnovo dei deputati del Parlamento Europeo.

Il Parlamento Europeo è l’organo direttamente rappresentativo dei cittadini dell’Unione. Ha due sedi principali, una a Bruxelles e una a Strasburgo, e viene eletto ogni cinque anni.

Ecco tutto quello che devi sapere sulle Elezioni Europee 2024. #TELOSPIEGO

COSA FA IL PARLAMENTO EUROPEO

Il Parlamento Europeo svolge tre funzioni principali, ovvero legislazione, indirizzo e controllo e bilancio. Sintetizzando molto, possiamo dire che il Parlamento Europeo si occupa di votare e adottare insieme al Consiglio le leggi dell’UE che vengono proposte dalla Commissione europea.

Svolge poi un controllo democratico su tutte le istituzioni dell’UE ed elegge il Presidente della Commissione europea e ha il potere di votare una mozione di censura che obbliga la Commissione a dimettersi, esamina le petizioni dei cittadini e avvia le indagini parlamentari ed infine si occupa di elaborare e approvare il bilancio dell’Unione europea, stabilendone la strategia finanziaria di lungo periodo.

Il Parlamento Europeo è costituito da un numero totale massimo di 750 eurodeputati, più un Presidente, il quale rappresenta il Parlamento Europeo nei confronti delle altre istituzioni dell’UE e del mondo esterno, oltre a dare l’approvazione finale al bilancio dell’Unione.

La distribuzione dei seggi tra i Paesi UE è tendenzialmente proporzionale alla popolazione, ma nessun paese può avere meno di 6 o più di 96 seggi.

I deputati sono organizzati tra loro in base a gruppi politici e non in base alla nazionalità.

Questi sono i gruppi attualmente presenti in parlamento: il gruppo The Left, il Partito Popolare Europeo, il gruppo dei Socialisti e Democratici ,il gruppo di Renew Europe, il gruppo dei Conservatori e Riformisti, il gruppo dei Verdi, il gruppo Identità e Democrazia. Infine il gruppo dei non iscritti.

Il Parlamento europeo è l’unica istituzione europea, i cui membri sono eletti direttamente dai cittadini, i quali possono chiedere al Parlamento di agire su un qualsiasi tema che rientri fra le competenze dell’Unione europea.

È possibile farlo contattando un eurodeputato della propria circoscrizione oppure tramite l’ufficio informazioni del Parlamento europeo del proprio Paese, in alternativa anche possibile presentare una petizione, tramite posta ordinaria, oppure per via telematica.

COME SI VOTA ALLE ELEZIONI EUROPEE

Ma veniamo al voto in Italia. Le urne saranno aperte Sabato 8 e Domenica 9 Giugno 2024.

Come abbiamo già detto, l’Italia eleggerà i suoi 76 rappresentanti al Parlamento europeo con un sistema proporzionale, e il territorio italiano verrà suddiviso in 5 circoscrizioni elettorali.

Prima circoscrizione nord-occidentale, alla quale spettano 20 seggi, seconda circoscrizione nord-orientale, alla quale spettano 15 seggi, terza circoscrizione centrale, alla quale spettano 15 seggi, quarta circoscrizione meridionale, alla quale spettano 18 seggi, quinta circoscrizione insulare, alla quale spettano 8 seggi.

Diversamente da quanto successo con le ultime elezioni nazionali, i partiti si presenteranno in liste, e non in coalizioni di liste.

Se perciò due partiti vorranno unire le forze, dovranno presentarsi alle elezioni come un’unica lista.

Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda una X sul simbolo corrispondente alla lista prescelta.

Sarà poi possibile esprimere fino a tre preferenze per candidati della stessa lista.

Nel caso si esprimano due o più preferenze, queste dovranno riguardare necessariamente candidati di sesso diverso.

In caso contrario, verranno annullate la seconda e la terza preferenza. Inoltre, fate attenzione perché in queste elezioni non è possibile votare una lista ed esprimere preferenze per candidati non appartenenti a quella lista, pena l’annullamento della scheda. I seggi in Parlamento verranno poi assegnati alle liste, proporzionalmente ai voti ricevuti in ciascuna circoscrizione, perciò se ad esempio un partito riceverà il 30% dei voti, Gli verrà assegnato il 30% dei seggi in Parlamento.

Infine ricordate che in Italia è stata fissata una soglia di sbarramento al 4% su scala nazionale. Questo significa che ai partiti che non riceveranno almeno il 4% dei voti non verrà assegnato nessun seggio al Parlamento europeo.