VOTO FUORISEDE ALLE EUROPEE 2024: COME FUNZIONA

come votare fuorisede

Sei uno studente o una studentessa fuorisede e vuoi votare alle elezioni europee 2024 nella regione in cui studi anziché tornare a casa? Con questo articolo vogliamo aiutarti a capire come fare. #TELOSPIEGO.

  • STEP 1: Capire a quale categoria di studenti fuorisede appartieni
  • STEP 2: Far sapere al tuo comune di residenza che vuoi votare dove studi
  • STEP 3: Aspetta che il comune dove voterai ti rilasci l’attestazione di ammissione al voto
  • STEP 4: Vai a votare!

STEP 1: capire a quale categoria di studenti fuorisede appartieni

COS’è UNA CIRCOSCRIZIONE ELETTORALE

La normativa approvata quest’anno in via sperimentale, prevede due categorie di studenti fuorisede. Queste due categorie presentano una leggera differenza fra loro, quindi è importante capire a quale delle due appartieni.

Prima di spiegare quali sono le due categorie però, bisogna che tu sappia cos’è una “circoscrizione”

Ai fini delle elezioni europee infatti, l’Italia viene divisa in 5 macro-aree geografiche (Nord-Occidentale,Nord-Orientale, Centrale, Meridionale).

  • I) Italia nord occidentale (Piemonte – Valle d’Aosta – Liguria e Lombardia);
  • II) Italia nord-orientale (L’Emilia-Romagna, Veneto – Friuli Venezia Giulia – Trentino Alto Adige )
  • III) Italia centrale (Toscana – Umbria – Marche – Lazio);
  • IV) Italia meridionale (Abruzzo – Molise – Campania – Puglia – Basilicata – Calabria);
  • V) Italia insulare (Sicilia – Sardegna).

 

Le circoscrizioni sono importanti per capire a quale categoria di fuorisede appartieni. Detto questo, possiamo proseguire per capire quali sono queste categorie.

Le due categorie di studenti fuorisede

Vediamo ora quali sono le due categorie di studenti fuorisede previste ai fini del voto europeo:

  • Prima categoria: gli studenti fuorisede in una città che appartiene alla stessa circoscrizione della propria città di residenza.Loro potranno votare nelle sezioni ordinarie del comune di temporaneo domicilio. Quindi ad esempio, uno studente originario del Veneto (circoscrizione Nord-orientale) che studia e vive a Ravenna (anch’essa circoscrizione Nord-Orientale) potrà votare nel comune di Ravenna.
  • Seconda categoria: Gli studenti fuorisede in una città che appartiene ad una circoscrizione diversa da quella della propria città di residenza. Loro dovranno votare in sezioni speciali create presso il capoluogo della regione in cui studiano. Quindi ad esempio, uno studente originario della Sicilia (circoscrizione Isole) che studia a Ravenna ( circoscrizione Nord-Orientale) dovrà votare nel comune di Bologna, ossia il capoluogo della regione in cui studia.

Attenzione: se studi in un comune della stessa regione del tuo comune di residenza, non potrai usufruire del voto fuorisede: Esempio: se sei residente a Bergamo ma vivi a Milano per l’università, dovrai tornare a votare a Bergamo (sia Bergamo che Milano sono in Lombardia, quindi nella stessa regione).

Bene. Ora che sai a quale categorie appartieni, passiamo allo step successivo

STEP 2: Far sapere al tuo comune di residenza che vuoi votare dove studi

Entro il 5 Maggio, devi far sapere al tuo comune di residenza che vuoi votare altrove.

Per farlo dovrai inviare al tuo Comune di residenza:

  • un modulo preposto dal ministero dell’Interno,
  • copia di un documento di riconoscimento
  • copia della tua tessera elettorale
  • copia della certificazione o di altra documentazione attestante l’iscrizione presso un’istituzione scolastica universitaria o formativa.

Ora ti starai chiedendo, ma a quale indirizzo mail del mio comune devo scrivere? Beh, questo dovrai verificarlo sul sito del tuo comune di residenza o chiamando l’ufficio elettorale del comune stesso. I comuni italiani stanno già predisponendo sui loro siti delle pagine dedicate in cui spiegano questa procedura, indicando anche le modalità concrete in cui fargli avere questi documenti.

Attenzione però: In Italia ci sono tanti comuni piccoli e poco organizzati, e non è detto che abbiano capito bene come si fa questa cosa, né che abbiano già creato sul loro sito una pagina dedicata. Se hai dubbi sullo svolgimento di questa procedura nel tuo comune, ti consigliamo di chiamare il tuo Comune di residenza e chiedergli se hanno già predisposto l’organizzazione di questa procedura. Se capite che non sono molto ferrati, ditegli di leggere la circolare ministeriale Circolare n. 27/2024 del Ministero dell’Interno, che spiega ai cittadini e ai comuni quali sono le cose da fare.

Il tuo comune di residenza si occuperà di comunicare il tuo nome al comune dove voterai (comune di domicilio o capoluogo di regione, a seconda della categoria di studente fuorisede a cui appartieni). Anche qui, se hai paura che il tuo comune sia troppo piccolo o disorganizzato, ti consigliamo di richiamarlo prima del 5 Maggio, per verificare che la comunicazione sia stata inviata correttamente.

A questo punto, la palla passa al Comune dove andrai a votare.

studentessa fuorisede va a votare

STEP 3: ASPETTA CHE IL COMUNE DOVE VOTERAI TI RILASCI L’ATTESTAZIONE DI AMMISSIONE AL VOTO

Il comune dove voterai dovrà mandarti un’attestazione di ammissione al voto, contenente anche l’indicazione del luogo specifico dove dovrai recarti per votare. Devono inviartela entro il 4 Giugno .

Il procedimento dovrebbe essere automatico, ma ti consigliamo di fare un giro sul sito del comune dove andrai a votare, per vedere se ci sono indicazioni particolari: Alcuni comuni infatti hanno predisposto delle procedure specifiche per i fuorisede che voteranno nelle loro sezioni. Il Comune di Bologna ad esempio, ha chiesto a tutti i fuorisede di compilare un modulo aggiuntivo e facoltativo, per potersi regolare in anticipo sul dispiegamento di forze da mettere in campo.

STEP 4: VAI A VOTARE!

Se hai ricevuto l’attestazione di ammissione al voto, non ti resta che aspettare il giorno delle elezioni e andare a votare.

Ricordati di portare al seggio un documento d’identità, la tessera elettorale e l’attestazione di ammissione al voto.

Attenzione però: L’esercizio del voto fuori sede è previsto esclusivamente per le elezioni europee. Questo vuol dire che se nel tuo Comune di residenza ci sono, oltre alle europee, le elezioni per eleggere il sindaco, oppure le elezioni regionali, non potrai votare anche per quelle.

Se vuoi votare per le regionali o per le comunali, devi tornare nel tuo comune di residenza.

 

Autore: Luigi Muraca