NARCISISMO: COME RICONOSCERLO E PRINCIPALI CAUSE

(video a fondo pagina)

Hai presente quel tipo di persona totalmente incapace di assumersi le proprie responsabilità, che non ammette mai di aver sbagliato e se qualcosa va storto, è sempre colpa tua o di qualcun altro?

Quella persona che dice di volerti bene (un amante, un amico o un genitore) ma se hai avuto una brutta giornata e cerchi conforto, minimizza i tuoi sentimenti o cambia subito argomento parlando dei suoi problemi?

Quel tipo di persona che magari cerca sempre di controllarti attraverso la colpevolizzazione o il senso di colpa e se non fai come vuole, ti accusa di non volerle bene o di essere egoista?

Dai, quel tipo di persona che in pubblico fa di tutto per ottenere complimenti e riconoscimenti e se non riceve abbastanza attenzione, diventa irritabile o addirittura aggressivo…

Se ti riconosci in uno o più di questi esempi, hai probabilmente avuto a che fare con un o una narcisista, una persona con un problema di salute mentale dalla quale, per quanto possibile, è meglio stare lontani…

E allora… Il Narcisismo e il disturbo narcisistico di personalità; #TELOSPIEGO!

IL MITO DI NARCISO

La parola “narcisismo” deriva dal mito greco di Narciso, un giovane famoso per la sua bellezza ma incredibilmente crudele, che rifiutava con sdegno chiunque lo amasse.

Per la sua fredda crudeltà Narciso viene punito dagli dei che lo condannano ad innamorarsi della sua stessa immagine riflessa in uno specchio d’acqua.

Quando Narciso si accorse che il giovane nell’acqua di cui si era innamorato perdutamente era in realtà la sua immagine riflessa e capendo che non avrebbe mai potuto ottenere quell’amore, si lasciò morire per la disperazione.

È attraverso questo racconto mitologico che gli antichi greci mettevano in guardia dalla natura distruttiva dell’eccessivo amore per la propria immagine.

Il mito di Narciso ci racconta di una personalità incapace di vedere al di là di sé, che idealizza la propria immagine ma, per questo, è incapace di riconoscere le emozioni e i bisogni dell’altro e per questo paga un prezzo altissimo: solitudine e disperazione.

Caratteristiche del narcisista patologico: i sintomi del narcisismo

Tutti noi possiamo mostrare occasionalmente dei tratti narcisistici, come una sana autostima, una buona dose di fiducia nelle nostre qualità e un atteggiamento assertivo. Esprimere queste qualità è sano e può esserci di grande aiuto nella vita.

Esistono però delle persone nelle quali questi tratti possono essere così sproporzionati da condizionare negativamente la loro vita e quella di chi le circonda ed è quando questo succede che parliamo di Disturbo di Personalità Narcisistica o DPN.

La persona con DPN ha fondamentalmente un profondo problema di autostima e un senso di sé molto fragile. Questa fragilità causa al narcisista un tale senso di impotenza e così tanta vergogna, da essere costretto a compensare nascondendo questi sentimenti dietro una facciata di apparente sicurezza e grandiosità.

Ne deriva una percezione irreale di sé, che la porta a vedere il mondo e le persone che lo popolano come deformati da una lente che ingrandisce il narcisista ma rimpicciolisce gli altri, sotto tutti i punti di vista.

Ecco un elenco di situazioni e comportamenti che descrive sinteticamente i sintomi di questo disturbo; se conosci qualcuno che presenta contemporaneamente 5 o più di questi sintomi, è molto probabile che soffra di DPN.

 

Grandiosità: le persone con disturbo narcisistico di personalità pensano di essere migliori degli altri, unici o speciali, soffrono di megalomania e sovrastimano le loro capacità, esagerano i loro risultati e spesso sottostimano il valore e i risultati altrui.

Bisogno di ammirazione: hanno bisogno di essere oltremodo ammirate e la loro autostima dipende da quanto gli altri pensano bene di loro, quindi è di solito estremamente fragile.

Fantasie di unicità e successo illimitato: le persone con DPN pensano di possedere un’eccezionale intelligenza o bellezza e pensano di doversi legare solo a persone speciali e talentuose “come loro”.

Rabbia: i soggetti con disturbo narcisistico di personalità sono sensibili e infastiditi dalle critiche degli altri e dai loro fallimenti, che li fanno sentire umiliati e sconfitti e alle quali possono rispondere con rabbia spietata e, in generale, tendono a evitare le situazioni in cui possono fallire.

Senso di superiorità e arroganza: il narcisista vuole essere sempre il migliore in tutto, deve essere sempre al centro dell’attenzione e quando qualcuno gli fa un complimento, risponde con un “Lo so”.

Mancanza di empatia: se hai avuto una brutta giornata e cerchi conforto, il narcisista minimizzerà i tuoi sentimenti o cambierà subito argomento parlando dei suoi problemi.

Sfruttamento delle relazioni: il narcisista ti chiama solo quando gli serve qualcosa ma non è mai disposto a ricambiare, usa gli altri per ottenere ciò che vuole, senza preoccuparsi dei loro bisogni o sentimenti.

Invidia e rancore: Il narcisista non riesce a sopportare quando gli altri hanno successo e se gli racconti una buona notizia cercherà di sminuire i tuoi traguardi. Le persone con DPN sono piene di invidia e rancore che si manifestano sia nei confronti degli altri, sia nella convinzione di esserne oggetto loro stessi.

Manipolazione emotiva: il narcisista è manipolatore e cerca di controllare gli altri attraverso il senso di colpa, e se gli altri non fanno come vuole, li accusa di non volergli bene o di essere egoisti.

Assenza di responsabilità: la persona narcisista non ammette mai di aver sbagliato. Se qualcosa va storto, è sempre colpa di qualcun altro. Insomma è totalmente incapace di assumersi le proprie responsabilità.

Il disturbo narcisistico di personalità è essenzialmente una lotta interiore tra un’illusoria grandiosità e una fragile autostima. Dietro la facciata scintillante, c’è un’anima che cerca disperatamente riconoscimento e amore. Comprendere questo disturbo significa vedere oltre la superficie e riconoscere il dolore invisibile.

Le cause del disturbo narcisistico

Sebbene vi siano delle predisposizioni biologiche, la maggior parte dei tratti narcisistici (si stima intorno all’80-90%) si sviluppa principalmente attraverso l’apprendimento e l’influenza dell’ambiente, specie quella dell’ambiente familiare dell’infanzia.

Se un genitore è inconsistente, non disponibile emotivamente o imprevedibile, il bambino potrà sviluppare un senso di sé instabile ed essere portato a cercare costantemente l’approvazione e il riconoscimento degli altri per sentirsi valido e amato o può imparare a manipolare gli altri per ottenere l’attenzione e l’affetto che gli sono mancati da bambino.

Il narcisista adulto è stato innanzitutto un bambino che ha sofferto, che è probabilmente cresciuto in un ambiente familiare tossico e svalutante, in cui magari uno o entrambi i genitori erano anch’essi narcisisti e che per questo può aver vissuto esperienze di trauma o abuso.

Si può guarire dal narcisismo?

Cambiare il comportamento narcisistico negli adulti è una sfida difficile. Anche se i tratti narcisistici possono teoricamente essere “disimparati”, è molto difficile cambiare comportamenti così profondamente radicati.

In generale, il modo migliore per affrontare questo disturbo è principalmente attraverso la psicoterapia, anche se è spesso molto difficile che un narcisista inizi un percorso terapeutico perché è improbabile che una persona con queste fragilità riesca ad accettare di avere un problema e ad ammettere di avere bisogno di aiuto.

È molto più probabile che il narcisista scopra di soffrire di DPN andando alla ricerca di un aiuto per la cura di altre problematiche, come la depressione, che spesso colpisce chi soffre di questo disturbo.

Autore: Sacha Dominis

Illustrazioni: Margherita Barrera